Condividi !

Cosa ha portato l’AC Milan nelle mani del fondo di investimento Elliott Management? Sicuramente non è una passione condivisa per il calcio. Questa acquisizione sarebbe stata calcolata dal feroce fondo americano, che gestisce già più di 23 miliardi di dollari. Curiosamente, non appena la holding di Silvio Berlusconi ha venduto il club ad un misterioso consorzio di investitori cinesi, abbiamo saputo che quest’ultimo aveva contratto un prestito di 335 milioni di euro da Elliott, a tassi di interesse elevati!

Un prestito di 335 milioni di euro presso Eliott

Tra il 1986 e il 2017, l’AC Milan era associato al nome di Silvio Berlusconi, attraverso la holding finanziaria Fininvest. Fino a quando, nel giugno 2017, l’ex Presidente del Consiglio italiano non l’ha venduta a un investitore cinese, Li Yonghong, per 740 milioni di euro, compresa una stima del valore del club e dei suoi debiti, stimata a quasi 220 milioni di euro.

Paul Singer, il responsabile del fondo d’investimento Elliott Management

Per completare l’acquisizione di uno dei club più prestigiosi d’Europa (sette Champions League, 18 Scudetti), quest’ultimo ha ottenuto un prestito di 335 milioni di euro dal fondo di investimento americano Elliott, a tassi di interesse elevati: fino all’11% per alcune tranche.

“Falsi documenti bancari”


Conoscendo la propensione di Elliott per il prestito a entità insolventi per meglio citarle in giudizio in seguito, ci si chiede quale sia la scelta di un debitore come Li Yonghong e il suo consorzio di investitori cinesi.


Li Yonghong, a capo di un consorzio di investitori cinesi, che ha acquistato l’AC Milan nel 2016

Secondo l’agenzia Bloomberg, questi investitori cinesi avrebbero “fornito documenti bancari falsi” per dimostrare la loro solidità finanziaria durante i primi negoziati. Si tratta di “documenti su carta intestata della Banca di Jiangsu Co. che avrebbero dovuto mostrare i movimenti registrati sul conto della società di uno dei membri del consorzio”, nota Bloomberg, che cita “fonti vicine al caso”.

Un club acquisito per mancato rimborso

L’investitore cinese Li Yonghong non ha onorato un nuovo debito contratto da Eliott che è giunto a scadenza. Il signor Li aveva tempo fino a venerdì 6 luglio 2018 per pagare 32 milioni di euro al fondo americano che glieli aveva prestati per l’acquisizione del club ( in aggiunta ai 300 milioni di euro richiesti al momento dell’acquisizione da parte dell’uomo d’affari cinese).

Il fondo americano Elliott, gestito da Paul Singer, ha poi iniziato le pratiche per diventare ufficialmente proprietario del Club Lombardo all’inizio di luglio 2018.

Marco Fassone, ex dirigente del Milan, licenziato da Elliott nel luglio 2018 perchè considerato come il principale responsabile della cattiva gestione del club in epoca cinese.

Il gruppo americano vorrebbe rimanere al comando del club lombardo per aiutarlo a recuperare il suo antico prestigio, ha detto. E allo stesso tempo, generare una significativa plusvalenza, tra qualche anno!

“Elliott vuole vincere la sfida di rendere il club la miglior squadra d’Europa. Elliott crede fermamente anche nella possibilità di poter aggiungere valore al Milan”.

Paul Singer sulla presenza del suo fondo di investimento a capo dei Rossoneri.

Ripulire la propria immagine presso l’opinione pubblica

Il fondo ha acquistato il club per poco più di 300 milioni di euro, in altre parole, lontano dai 740 milioni inizialmente richiesti per il riacquisto del club! Tuttavia, sarà necessario un importo significativo di finanziamenti per avviare un vero e proprio piano di ripresa.

Oltre ad una potenziale plusvalenza – che non dovrebbe rappresentare un importo significativo rispetto al portafoglio di Elliott – il fondo potrebbe anche offrirsi un grande successo mediatico rilanciando l’AC Milan. Una campagna che non sarebbe troppo per un’entità segnata dal suo marchio di fondi avvoltoio noto per la sua spietata durezza contro gli stati disperati e le economie fragili.

Lucile Dupin 

One comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.