Di fronte alle pressioni dei fondi attivisti, eBay paga i suoi primi dividendi

Condividi !

Il gruppo ha annunciato martedì scorso che pagherà un dividendo trimestrale e che aumenterà i rimborsi delle azioni, come raccomandato dal Fondo Elliott. Ma si rifiuta di cedere delle attività.

Di fronte alle difficoltà, eBay ha fatto concessioni di fronte alle pressioni dei fondi attivisti Elliott Management e Starboard, che avevano chiesto cambiamenti al suo interno. La società californiana ha annunciato che inizierà a pagare i suoi primi dividendi di 14 centesimi per azione a partire dal mese di marzo. Inoltre, prevede di aggiungere 4 miliardi di dollari al suo programma di riacquisto di azioni proprie.

eBay stima che queste misure porteranno 7 miliardi di dollari per gli investitori nei prossimi due anni. “eBay non ha mai avuto così tanti acquirenti, venditori o articoli nella sua storia”, ha detto Devin Wenig. “Siamo convinti della nostra capacità di creare valore ora e in futuro”.

Nessuna scissione con le attività correlate

La dichiarazione di eBay arriva una settimana dopo la pubblicazione di una lettera di Elliott Management, che detiene una partecipazione del 4% del capitale. Il fondo attivista ha indicato che l’azienda aveva bisogno di riconquistare la fiducia degli azionisti, mentre la quota eBay aveva “prestazioni insufficienti rispetto ai suoi concorrenti e al mercato”. Il Fondo Starboard, che detiene meno del 4% della società, aveva presentato le stesse richieste.

Elliott ha offerto a eBay di cedere alcune delle sue attività per concentrarsi sulla sua piattaforma di vendita online di successo, mentre si confronta con il gigante Amazon ed altre piattaforme locali.

Ma se eBay ha accettato un incremento della remunerazione degli azionisti, la società rifiuta attualmente qualsiasi rinuncia alle proprie attività, come ad esempio il servizio di vendita di biglietti online StubHub. Per il suo capo, Devin Wenig, ci sono infatti “sostanziali sinergie” tra il mercato principale di eBay e i suoi altri servizi. E per citare l’esempio di un appassionato di sport che potrebbe comprare i prodotti della sua squadra preferita su eBay, subito dopo aver acquistato il biglietto per una partita su StubHub.

Un segno di maturità

Per il direttore generale di Smead Capital Management, azionista di lunga data di eBay, intervistato da Bloomberg, il pagamento dei dividendi è un simbolo della maturità acquisita dalla società fondata dal francese Pierre Omydiar. E’ anche un passaggio obbligato nella vita di un gruppo che deve passare da un periodo di rapida espansione a uno sviluppo più stabile, sfruttando al tempo stesso il suo status di marchio potente.

Elliott, da parte sua, continua a dire che le azioni che sono scese di oltre un terzo rispetto al loro apice all’inizio del 2018 per stabilirci a 34 dollari a Wall Street martedì scorso, potrebbero rimbalzare e valere tra i 55 e i 63 dollari entro la fine del 2020. Se e solo se eBay seguisse le sue raccomandazioni .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: