Condividi !

Il mese scorso il fondo attivista Cevian Capital, il maggiore azionista di Ericsson, ha annunciato di aver venduto negli ultimi mesi 22 milioni di azioni di categoria B del produttore svedese di apparecchiature per le telecomunicazioni, un’operazione che ha descritto come un “aggiustamento minore” della sua partecipazione.

Secondo un documento depositato presso la SEC, il più grosso fondo attivista in Europa ha ridotto la sua partecipazione in Ericsson a poco meno di 281 milioni di azioni di categoria B e 339.228 di azioni di categoria A ( una categoria di azioni A è un’azione ordinarie o privilegiate con maggiori benefici, quali maggiori diritti di voto o maggiore priorità dei dividendi rispetto alle azioni di Classe B).

“Abbiamo apportato un piccolo aggiustamento alla nostra partecipazione perché il titolo è diventato una parte molto importante del nostro portafoglio”, ha dichiarato Christer Gardell, direttore associato di Cevian, in un messaggio all’agenzia di stampa Reuters.

“Non ha nulla a che fare con la nostra visione del potenziale dell’azione”, aggiunge.

Cevian detiene ora l’8,4% del capitale sociale di Ericsson e il 4,99% dei diritti di voto.

Le azioni Ericsson, che hanno guadagnato quasi il 40% negli ultimi 12 mesi, sono scese del 2,7% alla Borsa di Stoccolma dopo l’annuncio.

“Rimaniamo il maggiore azionista di Ericsson, con un investimento di circa 25 miliardi di corone (2,34 miliardi di euro) nel gruppo”, aggiunge Christer Gardell.

Nel mese di aprile Ericsson ha registrato un risultato operativo del primo trimestre migliore del previsto, trainato dalla forte crescita in Nord America e dalla riduzione dei costi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.